Preghiera de ‘n parocchiano

Preghiera de ‘n parocchiano

 

Chiesa GBP‘Ntorno a ‘sta chiesetta c’è ‘na storia de omini, de donne e regazzini  c’hanno vissuto e viveno davero cor core pieno de speranza e amore.

Signore mio,

quante le preghiere,li pianti,le domanne,li sorisi de la gente che fa i conti e che l’ha fatti,coi grossi problemacci de la vita.

E più va avanti ‘a storia e più ce serve,d’avè ‘na spinta verso su, ner cielo… indove ce stai tu,Signore Iddio,si nun te vedo drento ar core mio o a quello der fratello a me vicino.

Aiutece Gesù, ne ‘sto quartiere, intorno a ‘sta chiesetta,in questa piazza, vicino a tanta gente un po’ vecchietta e ai gioveni che nun je danno retta.

Te vojo raccontà, Signore grande, usanno un po’ le rime o i verzi sciorti,’na storia che conosci mejo Te:

t’a vojo dì lo stesso perché so che come ascorti Te n’ artro nun c’è!

Se tratta de la storia d’en quartiere nato co li sfollati, i cicoriari,i baraccati, ma nun solo, nato co’ tanta gente umile ma vera, capace de gesti de gran core.

Io la conosco perché ce so’ nata quanno ancora se nasceva ‘n casa,co’ la levatrice,er medico condotto ch’era ‘n mito,l’amiche,le nonne o le zie che “ ce sapeveno fa’”; e fori, dietro ‘a porta, assai nervosi, aspettaveno i papà, magari co’na sigheretta ‘n bocca.

Nun so’ così vecchiaccia ma m’e ricordo,’e parole de mi’ padre e de mi’ madre che la sera ce ‘ncantaveno,dopo la cena ,co li racconti ‘ntorno er tavolino de la cucina. Che belle sere!

Ereno racconti che nessuno fa più co’ li fiji,perché se core,se va ‘n fretta ,perché nessuno c’ha più voja de raccontà e soprattutto … nessuno c’ha più voja d’ascortà!

Che forza ‘sto quartiere che ner tempo, c’ha avuto preti partigiani,attori, doppiatori, forze quarche ladro, chi lo sa,cantanti, grandi artisti… quarcuno ce l’avemo ancora! Se ce penzi, però, è ‘n po’ come tutti li quartieri, qui a Roma o a Milano o a Gorgonzola…

Adesso so che su Feisbucche so’ nati de li gruppi che ricordeno er passato e tra i ricordi morto spesso appare quarcosa de vissuto drento ‘a chiesa : quarcuno che nasceva ,i sposalizi, e quello che moriva,poveraccio… , le processioni der Santo Patrono… Chi nun ricorda su ‘e bancarelle, ‘e pallette de stoffa e segatura che se bagnaveno a la fontanella e se tiraveno contro quarche ignaro regazzino, poveraccio: che ficozzi!

Semo cresciuti da que li tempi; qualcheduno c’ha lasciati pe venì da Te, noi lo speramo! Ma a quanto pare, da quello che ce dice Feisbucche, quarchedun’antro ancora guarda ‘ndietro, ner passato: forse ‘sto presente nun je piace … e ner futuro nun ce crede manco.

Ce so’ radici qui, ‘ntorno a ‘sta chiesetta,che piccola nun è poi mica tanto,radici assai profonne, condivise anche co’ li preti che c’hanno accompagnato e co’quelli che lo fanno ancora co’ passione.

Quarcuno dice che ‘sta chiesa è vecchia e s’allontana; io puro l’ho detto quarche vorta, lo confesso,ma annassene e arendese così, che senzo c’ha?

Allora io te prego, Buon Pastore,capace d’annà appresso a ‘e pecorelle smarite,getta lo sguardo tuo su ‘sti parocchiani che,spesso e volentieri, se scordeno de Te!

Te lo sai, qui a la Montagnola c’è stata ‘na gran guera… ma adeso, puro s’è finita ,ner core de tanta gente ce sta ancora.

Facce guardà ar futuro, aiutece un po’ Te che tutto poi,’n c’abbandonà …

Tennece ‘na mano ,Granne Amico… noi stamo qua!

Io te lo chiedo a nome ‘n po’ de tutti, anche se bene nun so parla’.

Paola Magnosi