Primo venerdì di Quaresima – Ceneri

La cena di ogni venerdì potrebbe farsi con la presenza di un crocifisso in mezzo al tavolo, spiegando ai bambini un po’ alla volta cosa significano la Quaresima e i segni che si compiono durante la medesima.

Scaricare qui la scheda da stampare e utilizzare a tavola!

Che cosa è la Quaresima?
È un periodo che dura quaranta giorni. Questi quaranta giorni servono per prepararci alla Pasqua, quando Gesù muore e risorge dopo tre giorni.

Cosa sono le ceneri?
Nel Mercoledì delle Ceneri inizia la Quaresima. È il «tempo forte» che prepara alla Pasqua.

Nell’Antico Testamento, il simbolo delle ceneri è associato alla fragilità della condizione umana, soggetta al peccato e alla morte; richiama il carattere limitato e passeggero della nostra esistenza terrena. Le ceneri, che possono essere soffiate via facilmente, ci aiutano a ricordare che la vita umana non dura per sempre ma la vita eterna con Dio sì. Esse ci ricordano pure che Dio dalla nostra fragilità “dalle nostre ceneri” può fare miracoli, può fare del bene per noi e per gli altri. Che anche se siamo deboli, Lui ci rende forti.

Di che cosa sono fatte le ceneri?
La cenere è prodotta dai rami d’ulivo della Domenica delle Palme dell’anno precedente, che vengono bruciati.

Perché proprio l’ulivo?
L’ulivo è una pianta biblica; ricorda la promessa di Dio dopo il diluvio. Ricorda pure il giorno che Gesù è entrato in Gerusalemme, accolto dalla folla che agitavano rami d’ulivo: da quel momento è iniziata la sua Passione. Le ceneri sono pure simbolo di penitenza, di sobrietà. L’ulivo poi è simbolo di pace.

Perché ricevere le Ceneri sulla fronte o sulla testa proprio in questo giorno?
È per prendere la decisione di iniziare il cammino della Quaresima che ci condurrà a celebrare meglio preparati la Santa Pasqua.

Promettiamo a Gesù che la Quaresima sarà per noi un periodo in cui cercheremo di pregare di più e di ascoltare con più attenzione quello che Lui ha da dirci attraverso le parole del Vangelo che sentiamo durante la Santa Messa e a Catechismo.