Come ricevere i Sacramenti

1. Il Battesimo

Per chi chiede il Battesimo del proprio bambino/a è richiesta una breve preparazione  da concordare. È richiesta la presenza di un padrino e/o di una madrina, possibilmente entrambi.

Il padrino e la madrina debbono avere i seguenti requisiti:
¨ Aver compiuto 16 anni;
¨ Essere stato battezzato/a, cresimato/a e di aver ricevuto la prima Comunione;
¨ Non aver contratto matrimonio solo civile, né convivere, né aver procurato divorzio.
¨ Non essere il padre e la madre del battezzando;
¨ Impegnarsi a condurre una vita cristiana, conforme alla fede e all’incarico che si assume;
¨ Richiedere alla parrocchia di appartenenza il documento di idoneità dei padrini o madrina.

Per chi richiede di battezzare il proprio figlio/a fuori parrocchia , occorre il nulla osta del parroco e la preparazione in parrocchia.

Per gli adulti che chiedono il Battesimo, è previsto il catecumenato ovvero una preparazione che prevede anche alcune tappe in Vicariato oltre alla preparazione in parrocchia. Gli adulti, al momento del Battesimo, ricevono anche la Cresima e la prima Comunione. Anche per gli adulti è richiesto il padrino o la madrina

2. La Cresima

Per ricevere la Cresima da adolescenti occorre la frequenza al catechismo (circa due anni).
Ѐ necessario:
¨ Certificato del Battesimo;
¨ Un padrino o una madrina che debbono avere gli stessi requisiti dei padrini del Battesimo.

3. Eucaristia

Per ricevere l’Eucaristia (Prima Comunione), da bambini, occorre iscriversi al catechismo in IV elementare. Il Catechismo dura due anni.
Le condizioni per accostarsi alla Comunione, sia da bambini che da adulti, sono: innanzitutto la fede: Credere che nella particola che si riceve, è realmente presente il Corpo e il Sangue di Gesù Cristo. Poi occorre avere il cuore purificato, cioè se ci sono peccati gravi, occorre la confessione sacramentale.
La Comunione si può ricevere o sulla lingua, o sulla mano sinistra, poggiandola sulla destra, facendo con essa (la mano sinistra) un “piccolo trono” per ricevere in re del cielo, e bisogna assumerla davanti al sacerdote.

4. Matrimonio

Al momento della scelta della chiesa, dove si vuole celebrare il matrimonio, il rettore della chiesa chiede di far compilare un modulo – nulla osta – dal parroco della parrocchia di appartenenza di uno dei nubendi. Il motivo è perché devono essere interrogati se sono cresimati, dove intendono prepararsi (corso per fidanzati) e informarli dove svolgere l’istruttoria matrimoniale (la pratica matrimoniale, cioè tutti i documenti che occorrono).
I documenti per la celebrazione del Matrimonio hanno la validità di sei mesi perciò occorre iniziare la raccolta dei documenti religiosi e civili solo quando lo ritiene opportuno il sacerdote che istruisce la pratica.

Per ulteriori informazioni rivolgersi a:
don Vincenzo Marras – Amministratore parrocchiale – vincenzo.marras@stpauls.it