l’amore dà sempre vita

Cari fratelli e sorelle,

«L’amore dà sempre vita», si apre con queste parole di Papa Francesco il Messaggio del Consiglio Episcopale Permanente per la 40ª Giornata Nazionale per la Vita, che celebriamo il 4 febbraio. Il Messaggio dei Vescovi italiani sottolinea che «la gioia che il Vangelo della vita può testimoniare al mondo, è dono di Dio e compito affidato all’uomo». I Vescovi richiamano l’ammonimento di Papa Francesco: «solo una comunità dal respiro evangelico è capace di trasformare la realtà e guarire dal dramma dell’aborto e dell’eutanasia», una comunità che «sa farsi “samaritana” chinandosi sulla storia umana lacerata, ferita, scoraggiata», una comunità che cerca il sentiero della vita. In occasione di questa Giornata, davanti alla nostra chiesa, il Centro Aiuto alla Vita (Cav) di Roma-Ardeatino (parrocchia Santa Giovanna Antida Thouret, via Ferruzzi 110) venderà le primule per sostenere la loro attività. Il Centro, dalla sua costituzione (2011), ha seguito 318 donne e sono nati 260 bambini, grazie agli aiuti morali, materiali, psicologici e talvolta economici offerti. Inoltre promuove incontri formativi per le volontarie, per le assistite ed anche nelle scuole sui principali temi bioetici. Affido a Gesù Buon Pastore tutti e ciascuno, in particolare quanti soffrono nel corpo e nello spirito. Ricordateci nelle vostre preghiere.

don Vincenzo Marras

2018_02_04 Avvisi

Qual è la nostra “malattia spirituale”?

In occasione della Quaresima, tutte le Comunità, in particolare le Parrocchie, sono invitate dal Vicario, monsignor Angelo De Donatis, «a trovare occasioni per confrontarsi sulle “malattie spirituali”» evocate nel discorso di chiusura del Convegno diocesano: l’economia dell’esclusione; l’accidia egoista; l’individualismo comodo; la guerra tra noi; il pessimismo sterile; la mondanità spiritale. La domanda che dobbiamo farci come comunità parrocchiale è: qual è la “malattia spirituale” che più ci affligge? Per rispondere a questa domanda intendiamo confrontarci venerdì 23 febbraio alle 19. Il testo scelto per vivere è l’esortazione apostolica di Papa Francesco Evangelii gaudium (in particolare i nn. 52-101). Sono invitati tutti, in particolare tutti i gruppi che, in diversi momenti e modalità, svolgono un loro servizio all’interno della parrocchia (Catechisti, Caritas, Azione Cattolica, Ministri straordinari, Scout, Coro, etc.). Un depliant, che trovate qui sotto, intitolato “Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati”, presenta brevi tracce per la condivisione e per aiutarci «a fare un esame di coscienza comunitario per correggerci e “prendere il largo”, con rinnovato entusiasmo, ed essere capaci di annunciare il Vangelo della Pasqua all’umanità di oggi».

Malattie spirituali