La prima predica di Gesù

Cari fratelli e sorelle,

cosa c’è di più prezioso per noi della Parola che quotidianamente ci raggiunge, nella Celebrazione Eucaristica, nella preghiera personale e comunitaria, e ogni volta che decidiamo di prendere in mano il Vangelo? Una domanda retorica, la mia, che mi consiglia di fare spazio alle prime parole di Gesù, quelle che leggiamo nel Vangelo di Marco, in questa domenica. È, per così dire, la prima predica di Gesù: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo». Sono parole da ascoltare e da custodire: ci dicono che non possiamo più rimandare la decisione; che il progetto di salvezza di Dio ci ha raggiunto, qui e adesso; che, di conseguenza, siamo chiamati a cambiare direzione, a «ritornare» a Dio, credendo al Vangelo, cioè alla “Buona notizia” della sua presenza, disposti a seguirlo e a basare su di Lui tutta la nostra vita. Davanti a questa Parola, cosa facciamo? come reagiamo? che decisione intendiamo prendere? Crediamo che ancora oggi, soprattutto oggi, Gesù ha le “parole giuste” per noi, uomini e donne del terzo millennio? Affido tutti e ciascuno a Gesù Buon Pastore. Ricordateci nelle vostre preghiere.

don Vincenzo Marras

2018_01_21 Avvisi