L’8xmille, segno di condivisione

Cari fratelli e sorelle,
questa
domenica è dedicata nella Diocesi di Roma a sensibilizzare le persone delle nostre comunità parrocchiali sull’importanza della firma dell’8xmille alla Chiesa Cattolica. Con questa giornata si intende informare le persone che l’8xmille registra la volontà su come dividere una parte delle tasse già pagate. Ma non è un sistema automatico: necessita sempre di una firma perché si tiene conto solo delle preferenze espresse. L’8xmille è un aiuto che non va a vantaggio solo della Chiesa Cattolica ma all’intera società italiana, attraverso le proprie Caritas diocesane e parrocchiali, i Centri d’accoglienza, i Centri di recupero, i Centri di ascolto, i Centri di assistenza ai malati di aids, alle Case Famiglie, ai Corsi di avviamento al lavoro, alle Strutture per aiutare gli handicappati, ai Centri per le ragazze madri e adolescenti a rischio, ai Centri per gli anziani, tanto per citare le opere e le iniziative più significative. Questa Giornata di sensibilizzazione rappresenta anche un’occasione preziosa per riflettere sul rapporto tra Chiesa e risorse economiche. È un modo per ricordarci che il sostegno economico alla Chiesa è una grande sfida di condivisione e di corresponsabilità ecclesiale …non per sentirci ricchi, non per inseguire precarie sicurezze… semplicemente, per fare bene il bene. E per farlo a tutti gli uomini e le donne che possiamo incontrare lungo la nostra strada. La firma è il primo passo della condivisione. Da domani tornerà sui media nazionali la campagna di comunicazione della Conferenza episcopale italiana che invita a scoprire un anno di interventi pastorali, dall’azione dei sacerdoti fino a migliaia di progetti caritativi in tutta Italia. Gli spot tv verranno trasmessi nelle prossime settimane anche sui siti web 8xmille.it e chiediloaloro.it, con passaggi radio e affissione urbana; funzionerà invece tutto l’anno online la Mappa 8xmille. Mentre ci prepariamo alla Festa di Gesù Buon Pastore – che celebreremo domenica prossima, 22 aprile  –, a Lui affido ogni famiglia della nostra comunità parrocchiale, in particolare le persone sole e quanti attraversano momenti di difficoltà e soffrono nel corpo e nello spirito. Ricordateci nelle vostre preghiere.
don Vincenzo Marras

2018_04_15 Avvisi