Catechesi sulla S. Messa, VII parte (terza domenica di Pasqua)

absideTERZA DOMENICA

DI PASQUA

 

In questa III Domenica di Pasqua riflettiamo sull’Epiclesi.

 

 

EPICLESI: deriva da “Epikaleo”: INVOCARE.

La Chiesa implora, con speciali invocazioni, la potenza divina affinché il pane e il vino, offerti dai fedeli diventino il CORPO e il SANGUE di Gesù; la Chiesa implora affinché la Vittima Immolata, che si riceve nella comunione, giovi per la salvezza di coloro che vi partecipano. Nella Preghiera Eucaristica vi sono quindi due Epiclesi: quella sulle offerte e quella sull’ Assemblea. Il verbo usato nelle due Epiclesi è il medesimo: DIVENTARE.

PRIMA EPICLESI:

Manda il tuo Spirito Signore a santificare i doni che ti offriamo perché DIVENTINO il Corpo e il Sangue del Tuo Figlio.                                                                    

SECONDA EPICLESI:

E a noi che ci nutriamo del Corpo e Sangue del Tuo Figlio, dona la pienezza dello Spirito perché DIVENTIAMO in Cristo un solo Corpo e un solo Spirito.                                                                    

Come nella prima Epiclesi il pane e il vino si lasciano trasformare dallo Spirito per DIVENTARE il Corpo e il Sangue di Gesù; così anche noi fedeli nella seconda Epiclesi dobbiamo lasciarci trasformare per DIVENTARE Corpo e Sangue di Cristo senza ostacolare con la nostra durezza di cuore e con la nostra superficialità, l’azione dello Spirito.

Il fine della Celebrazione Eucaristica è proprio questa seconda trasformazione: DIVENTARE CORPO E SANGUE DI GESU’! Se ciò non avvenisse la Santa Messa resterebbe un semplice “rito” senza significato.